Pagine

venerdì 18 agosto 2017

L'orzata dell'Artusi (la parte rinfrescante di un'estate bollente).


Questa estate è la più calda che io ricordi. L’afa non dà tregua e si cerca refrigerio dovunque sia possibile trovarlo. Per la verità mai come quest’anno i condizionatori hanno lavorato a pieno regime e nemmeno la sera si riesce a respirare. Bibite fresche a base di frutta e tè vari la fanno da padroni, nel tentativo di trovare un po’ di frescura, e gli sciroppi sono una parte integrante di questo mondo accaldato. 
Nella giornata del Calendario del Cibo italiano dedicata proprio a loro e ai liquori, io ho voluto provare a preparare l’orzata, uno degli sciroppi che mi riportano all’ infanzia, quando mamma per merenda ci preparava biscotti e un bicchiere di questo liquido bianco e dolce che: “dovete crescere e avete bisogno di energie, bevetelo che vi fa bene”. 
Sono andata a cercare un po’ il significato e l’origine di questa bevanda e ho scoperto che, al contrario di quello a cui siamo abituati oggi, una volta l’orzata era preparata con l’orzo fermentato (da cui appunto il nome). La bevanda a cui invece siamo abituati oggi è a base di mandorle pestate, zucchero, acqua e acqua fiori di arancio. 
Girando un po’ qua e un po’ là tra il web e i libri, ho visto quella dell’Artusi (si, sempre lui!) su "La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene" ed è stata quella che mi ha attirata di più. Rispetto alla ricetta del Pellegrino io ho omesso la dose di acqua di fiori di arancio, è un aroma che non mi piace molto e ho pensato che avrebbe coperto un po’ troppo, per i miei gusti, il gusto delle mandorle. Per chi volesse seguire alla lettera la ricetta originale, la dose dell’aroma è di due cucchiai da aggiungere alle mandorle nella prima fase di “pestatura” al posto della semplice acqua che ho usato io. 
Il risultato comunque è davvero ottimo. Se ne ricava uno sciroppo che, diluito nelle giuste dosi, è davvero gustoso e fresco, esattamente come quello che bevevo da piccola. Della serie: come un bicchiere di sciroppo può rinfrescarti la vita… e la memoria!




Orzata

Ingredienti (per 800 cl circa)

150 g di mandorle sgusciate (di cui 9-10 armelline)
600 g di zucchero semolato fine
450 g di acqua

Procedimento

Pulire le mandorle dalla pellicina esterna e tritatele grossolanamente con un coltello, versate tutto in un mortaio e pestatele, aiutandovi con qualche cucchiaiata di acqua prelevata dalla dose in ricetta, fino a ridurle in una poltiglia finissima. Per praticità si possono frullare, sempre aiutandovi con un poco di acqua, con un buon cutter, avendo però l’accortezza di tenerle almeno mezz’ora in congelatore in modo che siano ben fredde e usando la funzione “pulse” per frullarle in modo che non si riscaldino troppo e tirino fuori l’olio. 
Diluite la “pasta” ottenuta con un terzo dell’acqua in ricetta e filtratela attraverso un canovaccio pulito strizzandolo e raccogliendo il succo in una ciotola. Rimettete nel mortaio (o nel cutter) la poltiglia rimasta, ormai asciutta, e pestare (o frullare) ancora sciogliendola nuovamente con un altro terzo di acqua, filtrando e strizzando di nuovo raccogliendo il succo. Ripetere una terza volta l’operazione trasferendo tutto il succo ottenuto in una pentola. 
Far riscaldare sul fuoco, aggiungere lo zucchero facendolo scioglie e lasciare bollire per 20 minuti a fuoco basso mescolando ogni tanto. 
Quando lo sciroppo è ben freddo imbottigliare e conservare in frigorifero. 
Consumarla in piccole dosi sciolte in acqua ben fredda (le proporzioni in genere sono di 1:6 cioè 1 parte di sciroppo per 6 di acqua).




Grazie per essere passato. Mi farebbe piacere conoscere la tua opinione sull'articolo quindi, se ti va, lascia un commento. Se vuoi lasciare anche un like come segno di apprezzamento mi faresti felice. A presto.


29 commenti:

  1. Non ho mai assaggiato l'orzata ma la tua ricetta mi hai incuriosito parecchio, proverò a farla :)
    Un abbraccio!

    Mamma Today

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto di sapere se ti è piaciuta. Un abbraccio a te :-D

      Elimina
  2. Wow, la devo assolutamente provare e immagino che buone granite o gelati potrebbero uscire con questo sciroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la uso come bibita, non l'ho mai provata in nessun altro modo. Forse come granita potrebbe andare ma sul gelato credo sia troppo dolce.

      Elimina
  3. L'orzata mi ha sempre affascianato. Mia mamma ricordo che beveva spesso granite con questo sciroppo. Una vera chicca dissetante da provare. Foto stupende!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La proverò anche con la granita allora ;-). Grazie per i complimenti, sei un tesoro.

      Elimina
  4. E pensare che adoro l'orzata, ma non ho mai provato a farla. Penso sia arrivato il momento, grazie! Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la prima volta anche per me Rita e mi ha sorpreso la facilità di esecuzione ;-)

      Elimina
  5. Sai che non l'ho nemmeno mai assaggiata? Concordo con te con l'aroma di fiori d'arancio, che per me è un po' troppo particolare,sono certa che mamme e zie andrebbero in visibilio per assaggiare un'orzata fatta in casa! Ecco un altro regalo a cui non avevo pensato... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una giornata come questa mi sa che abbiamo fatto tutti scorta di pensierini per Natale :-D

      Elimina
  6. ahahah... rido perché questa ricetta mi intrigava talmente che anch'io l'ho fatta, per la Giornata dell'Artusi. E tanto per completare il nostro "gemellaggio"... anche la mia orzata è fotografata in una bottiglietta uguale alla tua!!! Tutto dire... (oltre che: la rifarò!). Un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma Fausta, ricordavo che per la giornata dell'Artusi l'aveva fatta qualcuno ma non ricordavo chi! Ahhahhaahha le bottiglie (ahimè) sono una costante per me temo, quella avevo a disposizione...nonne ho trovata nessuna più adeguata ma dovrò provvedere oil prossimo sciroppo/liquore saranno dolori! Un abbraccio grande a te cara, sei sempre un tesoro :-D

      Elimina
  7. non era una delle mie bevande preferite, ma adoro gli sciroppi quindi me lo segno nella lista delle ricette da rifare.

    RispondiElimina
  8. Mi riporta bambina!! Mai pensato di farla in casa...mi incuriosisce molto!! Grazie per la condivisione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per essere passata Cristina :-)

      Elimina
  9. Tra tutti gli sciroppi in circolazione, quello di orzata, insieme a quello di amarene, è in grado di emozionarmi fortemente. Quando viaggio al sud, mi piace ancora chiederlo al bar bello ghiacciato, e ricordo che da bambina riuscivo anche a trovare i ghiaccioli all'orzata, e quelli erano momenti in cui esultavo. L'idea di farlo in casa quindi, mi fa felice e ti ringrazio per averlo condiviso. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, insieme all'orzata, ricordo perfettamemte invece il tamarindo. Un abbraccio a te Pat.

      Elimina
  10. Fino a pochì anni fa, non amavo l'orzata. Ho cambiato idea dopo averla bevuta a Siviglia in una caldissima giornata di luglio. Le tue foto mi hanno ricordato quel giorno di vacanza e fanno proprio venir voglia di averne a disposizione una bella bottiglia per dissetarsi in questa estate caldissima,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere di suscitare bei ricordi, anche per me è così. :-)

      Elimina
  11. L'ho sempre sentita nominare, ma non l'ho mai assaggiata ed il nome ricorda anche me quand'ero bambina. Bellissime foto!!

    RispondiElimina
  12. Chissà come mai cambiando l'ingrediente base non abbia cambiato anche il nome
    Fatta questa banale osservazione resta il fatto che sia molto interessante e che devo proprio prepararla
    Grazie d'aver accettatola sfida

    RispondiElimina
  13. È meraviglioso..oggi compro gli ingredienti e la faccio...poi t faccio sapere..grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  14. Bellissima questa ricetta, la voglio proprio provare!!!
    GRazie!

    RispondiElimina
  15. Ciao, nuova follower; questa è la mia ultima recensione; se ti va dacci un'occhiata e sempre se vuoi diventa lettrice fissa del mio blog, che trovi anche su instagram come: ioamoilibrieleserietv

    http://ioamoilibrieleserietv.blogspot.com/2017/09/provaci-ancora-prof-serie-tv-recensione.html
    grazie

    RispondiElimina