lunedì 6 novembre 2017

Quando la frutta incontra la brisèe: tortino di pere e noci.

Quando penso ad un dolce semplice per concludere un pasto rustico mi viene in mente un piccolo tortino con un guscio sottile e un ripieno morbido di frutta. Nella giornata della Pera per il Calendario del Cibo Italiano ho preparato un tortino la cui ricetta è stata pubblicata su Cucina Italiana tempo fa. Il guscio è una pasta brisèe semplice ma gustosa e il suo ripieno ha delle morbide pere al vino e croccante frutta secca. L’ho riprodotta esattamente come letta sulla rivista e, visto che non era specificato il tipo di vino da usare per cuocere la frutta, io ho utilizzato del Porto che le dà un’ulteriore dolcezza. Lo trovo perfetto da servire anche tiepido, magari accompagnato da un buon gelato alla vaniglia (troverete la ricetta qui). 

  

Tortino di pere e noci


Tempo di preparazione: 1 ora e 20 minuti + 30 minuti per il riposo)

Ingredienti (per 4 pie):

Pasta brisée
300 g di farina 0
150 g di burro
70 g acqua
Sale

Ripieno
30 g di biscotti secchi
20 g di mandorle bianche
15 g di gherigli di noce
2 pere (350 g circa)
100 g di vino rosso
40 g di zucchero
1 uovo per spennellare
 Burro per gli stampi

Procedimento

La pasta brisée
Impastate farina, burro, un pizzico di sale e l’acqua fino a formare un panetto sodo e liscio, avvolgetelo in una pellicola per alimenti e lasciate riposare in frigo per 30 minuti.

Il ripieno

Sbucciate le pere, eliminatene il torsolo e tagliatele a piccoli pezzi. Cuocetele con il vino e lo zucchero per 5 minuti, fatele raffreddare e unite mandorle, noci e biscotti tritati. Stendere la pasta a 5 mm e foderate 4 stampini (da 8 cm di diametro e 4,5 cm di altezza) imburrati e con il fondo ricoperto da un disco di carta forno. Forare il fondo con i rebbi di una forchetta, riempire con il ripieno e coprire con un disco di pasta grande a sufficienza da poter chiudere le tortine e sigillare bene pizzicandone i bordi. Forare la parte superiore formando un camino per la fuoriuscita del vapore e decorarlo con una margherita di pasta. Spennellare di uovo e cuocere in forno a 185°C per 36-40 minuti.  





Grazie per essere passato. Mi farebbe piacere conoscere la tua opinione sull'articolo quindi, se ti va, lascia un commento. Se vuoi lasciare anche un like come segno di apprezzamento mi faresti felice. A presto.

10 commenti:

  1. C'è talmente poco zucchero che potrei apprezzarli anch'io, mi sanno di buono, ma d'un buono. Per cui, non tornare a Cosenza se non ne porti un tot.

    RispondiElimina
  2. Spettacolari tortini e bellissime foto!!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono questi dolci rustici, sanno di famiglia e focolare!! Complimenti Angela !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la stessa impressione che ho avuto io appena ho letto la ricetta! Grazie Leila :)

      Elimina
  4. Che bella ambientazione per questi tortini che ognuno vorrebbe trovare sul tavolo non solo a fine pasto.Brava come sempre Angela!

    RispondiElimina
  5. Che belli e che buoni questi tortini! Li ho visti e mi sonon subito piaciuti. Li trovo proprio invitanti e belli ripieni. Bravissima Angela anche le foto sono molto belle!

    RispondiElimina
  6. finalmente sono anche da te! Veramente la più penalizzata dal mio ritardo sono io... che mi stavo perdendo? Questi piccoli pie sono una meraviglia per una pausa dolce coccolosa. Belli, cicciotti, con tanto di "cappelletto" e con un ripieno stragoloso. Non so, non trovo altre parole se non "mi piacciono un sacco"! Ecco... l'ho detto... ora aspetto che me ne lanci uno :D Un bacione grosso

    RispondiElimina